L’Epifania dal Gotico

L’Epifania dal Gotico a Leonardo da Vinci, così cambiò lo stile. Foto e filmati

11 de janeiro, 2018 0 Por Artes & contextos
Modo Noturno

epifania-mantegna

Dai favolosi racconti per immagini del Trecento e primo Quattrocento, alla svolta rinascimentale che toglie il fumo della leggenda per mettere a fuoco la verità monumentale dell’Adorazione dei Magi. Dalla solidità geometrica di Giotto, che parla a un gruppo di fedeli di eterogenea estrazione, al linguaggio raffinato, fiabesco ed elegante di Gentile da Fabriano e del Gotico internazionale, frutto della cultura d’elite delle corti e dell’alta nobiltà, per giungere alla fusione della citazione archeologica di derivazione greco-romana con il narrato. E soprattutto con la classica eroica possanza delle figure che, nel primo Rinascimento, si sviluppano dal modello della statuaria antica. Per parlare a tutte le classi sociali, con la verità degli episodi, la forza dei contesti architettonici e con il comune substrato latino. L’Epifania, come ben sappiamo, è la manifestazione di Dio al mondo e l’incontro del mondo con Dio. I magi, che rappresentano tre diverse macro-etnie, –  Gasparre, Melchiorre, Baldassarre si richiamano a Sem, Cam e Iafet, figli di Noè – si inchinano a un bambino, riconoscendone la divinità, trovandosi di nuovo insieme. Sem fu progenitore degli ebrei, Cam degli africani, Iafet degli europei. Cristo, attraverso l’amore, riunisce ciò che è stato diviso e invita all’amore fraterno. La tradizione vuole che le tre identità siano unite, ma diverse. Pertanto non invita a dimenticare la nostra identità, ma a riconoscerla come una risorsa, alla base dell’unione. L’Occidente, per fratellanza, intende perdita di identità. Ma non è attraverso questo percorso che si ottiene la convergenza.

L'Adorazione dei Magi è un dipinto a tempera su tavola (57.8 x 59.4 cm) di Francesco da Rimini, conosciuto anche come Master of the Blessed Clare of Rimini, databile intorno al 1340 circa e conservato al Lowe Art Museum a Coral Gables, nella contea di Miami-Dade

L’Adorazione dei Magi è un dipinto a tempera su tavola (57.8 x 59.4 cm) di Francesco da Rimini, conosciuto anche come Master of the Blessed Clare of Rimini, databile intorno al 1340 circa e conservato al Lowe Art Museum a Coral Gables, nella contea di Miami-Dade

 

L'Adorazione dei Magi è uno degli affreschi di Beato Angelico che decorano il convento di San Marco a Firenze. Misura 184x362 cm e si tratta di una delle opere sicuramente autografe del maestro, risalente al 1441-1442 circa. Una parte dell'affresco è attribuita anche al giovane allievo Benozzo Gozzoli.

L’Adorazione dei Magi è uno degli affreschi di Beato Angelico che decorano il convento di San Marco a Firenze. Misura 184×362 cm e si tratta di una delle opere sicuramente autografe del maestro, risalente al 1441-1442 circa. Una parte dell’affresco è attribuita anche al giovane allievo Benozzo Gozzoli.

L'Adorazione dei Magi è un dipinto di Lorenzo Monaco conservato agli Uffizi di Firenze. Si tratta di una tempera su tavola (115×183 cm), dipinta secondo lo stile gotico internazionale. È datata al 1420-1422.

L’Adorazione dei Magi è un dipinto di Lorenzo Monaco conservato agli Uffizi di Firenze. Si tratta di una tempera su tavola (115×183 cm), dipinta secondo lo stile gotico internazionale. È datata al 1420-1422.

 

L'Adorazione dei Magi (o Pala Strozzi) è un dipinto a tempera e oro su tavola (173x228 cm con cornice 303x282) di Gentile da Fabriano, datato 1423 e conservato agli Uffizi di Firenze. L'opera è stata firmata sopra la predella: "OPVS GENTILIS DE FRABRIANO M CCCC XX III MENSIS MAIJ". Capolavoro dell'artista e del Gotico internazionale in Italia in generale, conserva l'elaborata cornice scolpita in legno dorato, in larga parte originale.

L’Adorazione dei Magi (o Pala Strozzi) è un dipinto a tempera e oro su tavola (173×228 cm con cornice 303×282) di Gentile da Fabriano, datato 1423 e conservato agli Uffizi di Firenze. L’opera è stata firmata sopra la predella: “OPVS GENTILIS DE FRABRIANO M CCCC XX III MENSIS MAIJ”. Capolavoro dell’artista e del Gotico internazionale in Italia in generale, conserva l’elaborata cornice scolpita in legno dorato, in larga parte originale.

La Adorazione dei Magi di Masaccio è una tempera su tavola (21x61 cm) proveniente dallo smembrato polittico di Pisa ed oggi conservato nei Musei statali di Berlino. Risale al 1426.

La Adorazione dei Magi di Masaccio è una tempera su tavola (21×61 cm) proveniente dallo smembrato polittico di Pisa ed oggi conservato nei Musei statali di Berlino. Risale al 1426.

 

L'Adorazione dei Magi, detta Tondo Cook, è opera, tempera su tavola (diametro 137,2 cm), di attribuzione incerta, probabilmente iniziata da Beato Angelico e portata a termine da Filippo Lippi.

L’Adorazione dei Magi, detta Tondo Cook, è opera, tempera su tavola (diametro 137,2 cm), di attribuzione incerta, probabilmente iniziata da Beato Angelico e portata a termine da Filippo Lippi.

 

L'Adorazione dei Magi è un dipinto a tempera su tavola (diametro 84 cm) di Domenico Veneziano, databile al 1439-1441 e conservato nella Gemäldegalerie di Berlino.

L’Adorazione dei Magi è un dipinto a tempera su tavola (diametro 84 cm) di Domenico Veneziano, databile al 1439-1441 e conservato nella Gemäldegalerie di Berlino.

 

L'Adorazione dei Magi è un dipinto tempera a colla e oro su tavola (54,6x70,7 cm) di Andrea Mantegna, databile al 1497-1500 circa e conservato al Getty Museum di Los Angeles.

L’Adorazione dei Magi è un dipinto tempera a colla e oro su tavola (54,6×70,7 cm) di Andrea Mantegna, databile al 1497-1500 circa e conservato al Getty Museum di Los Angeles.

 

L'Adorazione dei Magi è un dipinto a tempera su tavola (111x134 cm) di Sandro Botticelli, databile al 1475 circa e conservato nella Galleria degli Uffizi a Firenze.

L’Adorazione dei Magi è un dipinto a tempera su tavola (111×134 cm) di Sandro Botticelli, databile al 1475 circa e conservato nella Galleria degli Uffizi a Firenze.

 

L' Adorazione dei pastori del Ghirlandaio è nella cappella Tornabuoni della basilica di Santa Maria Novella a Firenze. Contiene uno dei più vasti cicli di affreschi di tutta la città, realizzato da Domenico Ghirlandaio e bottega dal 1485 al 1490.

L’ Adorazione dei pastori del Ghirlandaio è nella cappella Tornabuoni della basilica di Santa Maria Novella a Firenze. Contiene uno dei più vasti cicli di affreschi di tutta la città, realizzato da Domenico Ghirlandaio e bottega dal 1485 al 1490.

 

L'Adorazione dei Magi è un dipinto a olio su tavola e tempera grassa (246x243 cm) di Leonardo da Vinci, realizzato tra il 1481 e il 1482. Viene conservato nella Galleria degli Uffizi a Firenze.

L’Adorazione dei Magi è un dipinto a olio su tavola e tempera grassa (246×243 cm) di Leonardo da Vinci, realizzato tra il 1481 e il 1482. Viene conservato nella Galleria degli Uffizi a Firenze.

 

O artigo: L’Epifania dal Gotico a Leonardo da Vinci, così cambiò lo stile. Foto e filmati, foi publicado @STILEarte.it
The post: L’Epifania dal Gotico a Leonardo da Vinci, così cambiò lo stile. Foto e filmati, appeared first @STILEarte.it
L’articolo: L’Epifania dal Gotico a Leonardo da Vinci, così cambiò lo stile. Foto e filmati, è stato pubblicato @STILEarte.it


Artes & contextos
Últimos artigos de Artes & contextos (exibir todos)
Open Call Artes & contextos